I prezzi d’ingresso

Importanza vitale riveste per te il prezzo di ingresso.

Pensa che in un centro medio piccolo con circa 60.000 ingressi annui, una variazione di 0,50 euro comporta un maggior introito di 30.000 euro.
TRENTAMILA EURO. Hai capito bene?!!

Come fai a mantenere alto il prezzo o ad aumentare dei famosi 0,50 centesimi?

Qui entrano in gioco diversi fattori: per i centri comunali o partecipati dall’ente pubblico ci sono dei prezzi imposti. Beh! Non possono obbligarti ad una buona gestione ed in contemporanea tagliarti le gambe!

Devi imparare a vendere qualità.

Fai vedere che porti innovazione, basta poco. Sistema il locale cassa, rivernicialo, adornalo.

Tutti i corsi ai quali hai partecipato ti hanno trasmesso che la reception è il biglietto da visita della piscina!

Nel capitolo precedente abbiamo parlato diffusamente degli orari e reception.

Alla luce di quanto detto prova ad immaginare per un attimo se in un colpo solo tu riuscissi ad aggiustare il prezzo dei famosi 0,50 euro ed a diminuire di un’ora l’apertura. Impossibile? Io penso di no!

Sono d’accordo con te, la valutazione va fatta da zona a zona, tenendo conto della distanza da altri centri, se la zona è turistica o metropolitana, il possibile bacino di utenza. Bisogna che tu riveda gli studi di sostenibilità quasi sempre sovradimensionati e spesso redatti dallo stesso progettista.

Ormai quasi tutte le ditte specializzate nel settore sono concordi nell’affermare che lo studio di sostenibilità vada rivisto e corretto dopo uno/due anni dall’apertura, per consentirti di correggere il tiro. Lo studio di sostenibilità ti aiuta a verificare anche la fattibilità di aumentare le tariffe.

Stai obiettando che l’aumento di prezzo ti comporta una diminuzione dell’utenza? E pensi veramente che se aumenti il prezzo di cinquanta centesimi venga meno gente?

Pensa alle lamentele che hai avuto finora. Quasi nessuna riguardava il prezzo!!